Mentre in passato molti medici hanno vietato comple­ta­mente l’alcol alle persone affette da epilessia, oggi si sa che l’alcol consu­mato in piccole quantità, per esempio nelle occasioni sociali, non crea problemi.

L’abuso di alcol è sconve­niente sia in caso di epilessie pre-esistenti sia in caso di fattori di rischio per la prima insor­genza di crisi tonico-cloniche in assoluto. In genere, non è perico­loso il momento in cui si consu­mano bevande alcoliche ma le ore e i giorni succes­sivi, quando l’organismo metabo­lizza l’alcol e la sua concen­tra­zione si riduce. Spesso si manife­stano anche astinenza da alcol, carenza di sonno, un’assunzione inferiore di cibo e contem­po­ra­nea­mente non si assumono i medicamenti.

Un ecces­sivo e prolun­gato abuso di alcol e le lesioni cerebrali ad esso associate, possono deter­mi­nare un’epilessia sinto­ma­tica, detta anche “epilessia alcolica”. I danni cerebrali possono essere causati diret­ta­mente dall’alcol, ma anche indiret­ta­mente, come nei casi di cadute dopo un consumo ecces­sivo di alcol, che deter­mi­nano lesioni cerebrali.

Video espli­ca­tivo “Epilessia e alcol”

Piccole quantità di alcol sono innocue per la maggior parte delle persone con epilessia. 

Epilepsie-Liga 2021.

Tutti i video
Tutte le domande frequenti