FAQ2020-12-17T10:20:13+01:00

Domande frequenti

Le infor­ma­zioni conte­nute sul sito web non sosti­tui­scono la visita medica, ma hanno piuttosto lo scopo di favorire il dialogo tra paziente e medico.

L’epilessia in generale

L’epilessia è mortale?2020–10-23T18:03:56+02:00

L’epilessia di per sé non è mortale, ma le crisi aumen­tano il rischio, ad es., di annega­mento o di un incidente mortale. Se una crisi di grande male non termina sponta­nea­mente (stato epilet­tico), sussiste un serio pericolo di vita. È raro che la persona affetta da epilessia possa soffo­care nel suo cuscino durante una crisi notturna, oppure morire inaspet­ta­ta­mente e senza una causa apparente (“sudden unexpected death in epilepsy”, Sudep).

Opuscolo infor­ma­tivo “SUDEP”

Scari­care opuscolo
Ordinare opuscolo
L’epilessia può essere guarita?2018–07-30T13:20:34+02:00

In deter­mi­nati casi sì. Certe forme di epilessia (ad es. epilessia rolan­dica) spari­scono in età adulta ed è quindi possi­bile inter­rom­pere i medica­menti. Per circa il 2–3% delle persone affette da epilessia, il focolaio epilet­tico può essere elimi­nato con un inter­vento chirur­gico. Se l’operazione ha successo, una parte dei pazienti può in seguito condurre una vita libera da crisi senza assumere i medicamenti.

 

Quali infor­ma­zioni su una crisi vissuta e osser­vata potreb­bero essere utili ai fini della diagnosi?2018–08-20T14:12:37+02:00

Trovate i dettagli a riguardo nel nostro opuscolo infor­ma­tivo “Carat­te­ri­stiche princi­pali delle crisi”. Con il consenso delle persone interes­sate, si racco­manda inoltre di filmare le crisi, ad es. con lo smartphone.

Opuscolo infor­ma­tivo “Carat­te­ri­stiche princi­pali delle crisi”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Perché è impor­tante una buona colla­bo­ra­zione tra pazienti e medici?2019–12-17T14:54:31+01:00

I medica­menti agiscono solo se vengono assunti regolar­mente, il che presup­pone un rapporto di fiducia tra paziente e medico. Quest’ultimo dovrebbe prendersi del tempo e rispon­dere a tutte le domande in sospeso. In tal senso, è utile se i pazienti si prepa­rano e annotano le loro osser­va­zioni e le loro domande. Chi non si sente ben assistito, può cambiare medico o chiedere un secondo parere.

Trovare degli specialisti 

Prepa­ra­zione per la visita medica

Opuscolo infor­ma­tivo “Compliance” dispo­ni­bile in francese o tedesco”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Vorrei sentire un secondo parere, ma non voglio indispet­tire il mio medico. Come devo proce­dere?2020–07-15T12:06:17+02:00

I bravi medici non hanno alcun problema in questo senso; anzi spesso, in caso di decisioni diffi­cili, sono persino felici se un collega esperto dà la sua opinione. Eventual­mente può consi­gliare addirit­tura qualcuno a cui rivol­gersi. Ne parli aperta­mente con il suo medico curante e le/gli chieda di inoltrare la sua cartella clinica al medico desiderato.

Nella maggior parte dei casi, l’assicurazione di base dovrebbe assumere i costi (dedotta la franchigia). Per sicurezza, tuttavia, consi­gliamo di chiarire preven­ti­va­mente con la sua cassa malati il ricorso ad un secondo parere.

Ultimo aggior­na­mento: settembre 2019

Il vaccino antin­fluen­zale è racco­man­dato alle persone affette da epilessia?2018–08-08T14:40:19+02:00

Assolu­ta­mente sì, perché il rischio di crisi aumenta notevol­mente se l’influenza è accom­pa­gnata da febbre alta. Il vaccino antin­fluen­zale è molto ben tolle­rato e provoca poche o nessuna reazione.

Ulteriori infor­ma­zioni sul tema dei vaccini

Come possiamo essere avver­titi delle crisi notturne del nostro bambino?2020–08-11T16:42:14+02:00

Basta un semplice monitor per segna­lare le crisi di grande male la notte. I più costosi apparecchi Epi-Care ed Emfit reagi­scono agli spasmi e permet­tono una sorve­glianza più sofisti­cata. Emfit attiva inoltre un allarme quando il bambino lascia il suo letto.

Il bracciale “Night­watch” dei Paesi Bassi misura la frequenza cardiaca e registra i movimenti della persona che dorme.

Se questi sistemi non funzio­nano e le crisi sono frequenti e perico­lose, epiNight­Nurse propone un monito­raggio via webcam da parte di perso­nale infer­mie­ri­stico qualificato.

www.epinightnurse.com

Indica­zione: la Lega contro l’Epilessia non riceve alcun supporto finan­ziario da parte dei forni­tori sopra menzio­nati e declina qualsiasi responsabilità.

Ultimo aggior­na­mento: ottobre 2019

La famiglia può essere infor­mata diret­ta­mente di una crisi anche durante il giorno?2019–10-17T12:14:22+02:00

Epi-Care (vedere la risposta alla domanda prece­dente) funziona anche durante il giorno.

Epi-Care (in tedesco)

In alter­na­tiva (infor­ma­zioni in inglese):

smart-monitor.com

www.empatica.com

Indica­zione: la Lega contro l’Epilessia non riceve alcun supporto finan­ziario da parte dei forni­tori sopra menzio­nati e declina qualsiasi responsabilità.

Ultimo aggior­na­mento: ottobre 2019
Come ci si assicura che i testi­moni fortuiti reagi­scano corret­ta­mente in caso di una crisi?2020–05-08T10:36:49+02:00

Ordinare la carta SOS 

I braccia­letti di allarme sono più visibili rispetto alle carte, poiché molte persone si fanno scrupoli a guardare dentro il porta­fo­glio di terzi. Tra i forni­tori ci sono ad esempio:

www.safesportid.com

www.hauptner.ch

Indica­zione: la Lega contro l’Epilessia non riceve alcun supporto finan­ziario da parte dei forni­tori sopra menzionati.

Qualcuno ha chiamato l’ambulanza durante una crisi. Devo assumermi i costi?2020–07-15T12:10:13+02:00

Purtroppo, i pazienti devono pagare il trasporto in ambulanza, anche se i sanitari sono stati aller­tati senza il loro consenso. In alcuni casi, la cassa malati assume una parte di tali costi.

La nostra organiz­za­zione partner Epi-Suisse fornisce delle infor­ma­zioni detta­gliate sul tema, dà consigli e sostiene le persone interes­sate con un fondo d’emergenza.

Ultimo aggior­na­mento: agosto 2019

Esiste un nesso tra l’epilessia e le malattie psichiche?2018–08-08T14:46:08+02:00

Sebbene non rientri tra queste, l’epilessia si accom­pagna spesso con le malattie psichiche (ad es. depres­sioni o disturbi d’ansia). Vi sono proba­bil­mente delle cause comuni, che però non conosciamo esatta­mente. Alcuni antie­pi­let­tici raffor­zano inoltre questa tendenza.

È impor­tante far trattare disturbi del genere e trovare allo scopo un bravo psichiatra che colla­bori con il neuro­logo curante. Sappiamo che spesso anche le crisi diminui­scono se lo stato psichico migliora.

Dove posso trovare infor­ma­zioni in altre lingue?2020–12-22T16:14:58+01:00

Per accedere alla homepage, scrolli verso l’alto e clicchi sul nostro logo. A sinistra, sopra il nostro logo, è possi­bile cambiare la lingua. Ci sono infor­ma­zioni più o meno estese in italiano, tedesco, francese, inglese, porto­ghese, albanese e bosniaco-serbo-croato.

Il Manuale di viaggio dell’“International Bureau for Epilepsy” fornisce infor­ma­zioni utili in 19 lingue in totale (anche in italiano).

Ultimo aggior­na­mento: dicembre 2020.

Come posso proteg­gere la mia testa, o quella di mio figlio, da lesioni da caduta?2020–07-15T12:08:07+02:00

I negozi di articoli sanitari offrono dei caschi protet­tivi speciali per le persone affette da epilessia, per alcuni sono molto utili anche i caschi da bicicletta. Ribcap propone ora dei caschi morbidi a forma di cappelli.

Helme nach Mass

Caschi morbidi

Indica­zione: la Lega contro l’Epilessia non riceve alcun supporto finan­ziario da parte dei forni­tori sopra menzio­nati e declina qualsiasi responsabilità.

Ultimo aggior­na­mento: agosto 2019

Corona­virus ed epilessia

Autore: Stephan Rüegg; Ultimo aggior­na­mento: 16 dicembre 2020.

Il vaccino Covid-19 è racco­man­dato per le persone affette da epilessia?2020–12-29T10:36:00+01:00

In linea di principio, sì. Partiamo dal presup­posto che una vacci­na­zione appro­vata da Swiss­medic soddisfi tutti gli standard di sicurezza richiesti e che il rischio di vacci­na­zione sia notevol­mente inferiore a quello del Covid-19. Poiché l’epi­lessia in sé non rappre­senta un rischio maggiore rispetto al Covid-19, i pazienti devono seguire le racco­man­da­zioni generali per la loro età, a meno che non siano presenti ulteriori fattori di rischio.

Qualsiasi vacci­na­zione può provo­care effetti indesi­de­rati a breve termine, come mal di testa o febbre. Poiché in alcuni casi la febbre può favorire delle crisi epilet­tiche, si consi­glia in questo caso di abbas­sare la tempe­ra­tura corporea con impacchi freddi alle gambe o farmaci febbri­fughi. Le intera­zioni tra vaccino e medica­menti anticon­vul­si­vanti appaiono estre­ma­mente improbabili.

Infor­ma­zioni del’UFSP

Il corona­virus è parti­co­lar­mente perico­loso in relazione all’epilessia?2020–10-22T14:48:41+02:00

Le persone affette da epilessia non sono sempre parti­co­lar­mente a rischio. Ma è diverso se vi si aggiun­gono altre malattie.

Nuovo corona­virus: persone parti­co­lar­mente a rischio

Ma resta il fatto che tutti devono proteg­gersi da un contagio e seguire le raccomandazioni.

Ecco come ci proteggiamo

Gli antie­pi­let­tici attac­cano il sistema immuni­tario, rendendo le persone più vulne­ra­bili?2020–10-22T15:09:09+02:00

Questo vale solo per dei rari metodi di tratta­mento, ad esempio l’ACTH, gli steroidi e le immuno­te­rapie, nonché in misura minore per la fenitoina, il fenobar­bital o il primo­done (Mysoline®). La maggior parte delle persone affette da epilessia ha un sistema immuni­tario normale, se non è indebo­lito da altre malattie o tratta­menti. È impera­tivo conti­nuare ad assumere gli antiepilettici.

Le crisi aumen­tano in caso di infezione da Covid-19?2020–10-22T15:08:55+02:00

La febbre può provo­care delle crisi epilet­tiche. Altri possi­bili fattori scate­nanti le crisi sono lo stress, l’ansia o la mancanza di sonno, l’assunzione irrego­lare di cibi, bevande o medica­menti (ad es. a causa del vomito). Stando alle infor­ma­zioni attuali, il rischio di crisi supple­men­tari legate al Covid-19 è piuttosto basso per la maggior parte delle persone affette da epilessia.

Devo indos­sare una masche­rina facciale nonostante la mia epilessia?2020–10-22T15:08:45+02:00

Con un’epi­lessia ben regolata è ragio­ne­vole indos­sare una masche­rina. Nella peggiore delle ipotesi, una masche­rina che non si adatta bene può scivo­lare durante un attacco e bloccare le vie respi­ra­torie. È impor­tante che la masche­rina sia di buona qualità e che sia allac­ciata con cura.  Per le persone grave­mente colpite, gli accom­pa­gna­tori devono ricevere istru­zioni adeguate. Se ci sono altri motivi medici per non indos­sare la masche­rina, questi devono essere discussi indivi­dual­mente con il medico di famiglia o il neuro­logo, che può anche rilasciare un certi­fi­cato corrispondente.

Cosa fare se le crisi aumen­tano dopo un contagio?2020–10-22T15:08:38+02:00

In queste circo­stanze, telefo­nate al vostro medico di famiglia e al vostro neuro­logo curante e seguite le loro istru­zioni. Può essere oppor­tuno in questo caso avere un medica­mento di emergenza di scorta. Se una crisi convul­siva dura più di 3 minuti e non si dispone di alcun medica­mento di emergenza o se questo non fa effetto, bisogna proteg­gere la persona interes­sata da lesioni e chiamare il 144.

Il mio appun­ta­mento dal medico è stato annul­lato. Cosa fare?2020–10-22T15:08:19+02:00

Forse le strut­ture sanitarie devono rinun­ciare agli inter­venti e ai tratta­menti rinvia­bili. In caso di bisogno urgente, dovrebbe essere possi­bile una consul­ta­zione telefo­nica. Gli altri appun­ta­menti devono essere posti­ci­pati a un’altra data.

I miei farmaci rimar­ranno dispo­ni­bili?2020–10-22T15:08:07+02:00

Anche prima della pandemia, c’erano occasio­nali penurie di medica­menti contro l’epilessia. Racco­man­diamo di farvi una piccola scorta perso­nale: procu­ra­tevi per tempo una nuova ricetta.

Tempo libero e viaggi

È vero che l’alcol provoca le crisi epilet­tiche?2018–08-02T07:49:15+02:00

Mentre in passato molti medici hanno vietato comple­ta­mente l’alcol alle persone affette da epilessia, oggi si sa che l’alcol consu­mato in piccole quantità, per esempio nelle occasioni sociali, non crea problemi.

L’abuso di alcol è sconve­niente sia in caso di epilessie pre-esistenti sia in caso di fattori di rischio per la prima insor­genza di crisi tonico-cloniche in assoluto. In genere, non è perico­loso il momento in cui si consu­mano bevande alcoliche ma le ore e i giorni succes­sivi, quando l’organismo metabo­lizza l’alcol e la sua concen­tra­zione si riduce. Spesso si manife­stano anche astinenza da alcol, carenza di sonno, un’assunzione inferiore di cibo e contem­po­ra­nea­mente non si assumono i medicamenti.

Un ecces­sivo e prolun­gato abuso di alcol e le lesioni cerebrali ad esso associate, possono deter­mi­nare un’epilessia sinto­ma­tica, detta anche “epilessia alcolica”. I danni cerebrali possono essere causati diret­ta­mente dall’alcol, ma anche indiret­ta­mente, come nei casi di cadute dopo un consumo ecces­sivo di alcol, che deter­mi­nano lesioni cerebrali.

Cosa bisogna consi­de­rare quando le persone affette da epilessia intra­pren­dono un viaggio?2019–12-17T14:47:14+01:00

La maggior parte delle persone affette da epilessia può partire tranquil­la­mente in vacanza. Per loro, la lista dei prepa­ra­tivi per le vacanze è sempli­ce­mente un po’ più lunga rispetto agli altri. È impor­tante che le attività diurne ed in parti­co­lare quelle notturne non siano troppo sfasate.

 

 

Modelli di documenti per viaggi e voli a lungo raggio

Opuscolo infor­ma­tivo “Viaggi e epilessia ”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo

Ultimo aggior­na­mento: novembre 2019

È possi­bile acqui­stare i farmaci anche all’estero?2018–08-02T07:55:00+02:00

La maggior parte dei farmaci possono essere acqui­stati nei diversi paesi stranieri; non è sempre così invece per i prepa­rati più nuovi. Inoltre, i dosaggi e i nomi commer­ciali sono spesso diversi e questo può causare problemi e confu­sione. Alla dogana si hanno sovente problemi con grosse scorte di medica­menti ed è quindi neces­sario farsi rilasciare un breve certi­fi­cato dal proprio medico per i medica­menti richiesti. Portare i medica­menti nel bagaglio a mano e nella confe­zione originale.

Cosa fare in caso di diffe­renza di fuso orario per i viaggi lontani?2018–08-02T07:57:53+02:00

In questi casi, il ritmo sonno-veglia cambia non soltanto durante il volo, ma anche per lo più nei due o tre giorni succes­sivi. Se possi­bile, non cambiare improv­vi­sa­mente il proprio ritmo normale.

È fonda­men­tale l’assunzione regolare dei medica­menti. Nei voli verso ovest si “guadagna del tempo” (il giorno di viaggio si allunga) e nei voli verso est si “perde del tempo” (il giorno di viaggio si accorcia). Il giorno del viaggio, a seconda dell’entità del fuso orario, si dovrebbe aumen­tare o ridurre la dose del medicamento.

Regola generale: durante i voli a lungo raggio, non regolate l’orologio durante il tragitto e assumete i medica­menti all’orario normale. Cambiate l’ora una volta atter­rati e assumete (event. riassu­mete) i vostri medica­menti all’orario consueto. Una formula più precisa è ripor­tata nel nostro opuscolo infor­ma­tivo “Viaggi e epilessia”.

Opuscolo infor­ma­tivo “Viaggi e epilessia”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Le persone affette da epilessia possono prati­care sport?2018–08-02T08:06:01+02:00

Lo sport favorisce il benes­sere, aumenta l’autostima e promuove contatti inter­per­so­nali preziosi: un’attività per il tempo libero ideale anche per le persone affette da epilessia.

Il tipo di epilessia e la frequenza degli attacchi influen­zano la scelta dello sport delle persone affette da epilessia. Gli sport più adatti sono quelli che si possono prati­care in gruppo e a terra. Secondo diversi studi, in quasi tutti gli sport il rischio di ferirsi delle persone affette da epilessia non è superiore rispetto a quello delle persone sane.

In assenza di crisi o in caso di poche o lievi crisi, non vi sono limita­zioni. Occorre sempre prestare atten­zione a non intra­pren­dere attività ecces­si­va­mente pesanti e a evitare grandi stress.

 

Opuscolo infor­ma­tivo “Sport e epilessia” in francese o in tedesco

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Si può andare in bicicletta o e‑bike nonostante l’epilessia?2021–03-23T15:50:11+01:00

Questa infor­ma­zione è chiara: per le e‑bike “veloci” con targa (ufficial­mente “motoci­clette”, chiamate anche S‑pedelecs) valgono le stesse regole dei ciclo­mo­tori e quindi della guida di un’auto (vedere il link qui sotto). Inoltre, i caschi sono obbli­ga­tori e l’età minima è di 14 anni.

Per le biciclette normali e le biciclette elettriche “lente” (chiamate anche pedelec o ufficial­mente “motoci­clette leggere”) la situa­zione è più compli­cata. Non ci sono regole ufficiali, ma spetta al guida­tore decidere, perché se perlo­meno va in bici con prudenza, mette in pericolo soprat­tutto se stesso. Inoltre, nel caso di una “aura” è di solito possi­bile reagire e fermarsi più rapida­mente che al volante di un’auto. Dipende quindi molto dalla situa­zione individuale.

Si racco­manda una valuta­zione perso­nale del rischio insieme al neuro­logo curante. Può essere utile aderire a certe restri­zioni per ridurre i pericoli. Per esempio:

  • Guidare solo nelle zone a traffico limitato o nei parchi.
  • Guidare lenta­mente e con attenzione
  • Evitare i tratti di strada ripidi o comunque perico­losi dove una caduta sarebbe più rischiosa.
  • Andare in bici con un compagno
  • Pedalare solo in un momento della giornata in cui di solito non si verifi­cano le crisi.

Può anche essere utile usare un triciclo per elimi­nare il rischio di caduta. Ci sono tricicli fatti su misura con sistemi di frena­tura speciali:
www.vanraam.com

È sempre un compro­messo — alcuni sono prudenti e ne fanno a meno volon­ta­ria­mente, per altri senza una bicicletta si ridur­rebbe molto la qualità di vita.

Pedalare con il casco dovrebbe essere comunque un dato di fatto, con l’epi­lessia ancora di più.

Autore: Frédéric Zubler; ultimo aggior­na­mento: 22 marzo 2021.

Epilessia e guida di veicoli

Ulteriori infor­ma­zioni
Cosa bisogna consi­de­rare per le attività a bordo e dentro l’acqua?2018–08-02T08:07:31+02:00

Le persone affette da epilessia devono adottare delle misure precau­zio­nali parti­co­lari per il nuoto e gli sport acquatici:

  • parlare con il medico dell’idoneità al nuoto
  • andare in acqua soltanto se si è ben riposati e in piena forma
  • andare in acqua sempre insieme a un nuota­tore esperto che sia infor­mato sull’epilessia e che conosca le misure di primo soccorso idonee
  • possi­bil­mente nuotare soltanto in piscine e solo in casi eccezio­nali in acque aperte. In caso di dubbio indos­sare un giubbotto di salva­taggio o un collare salva­gente e infor­mare il bagnino/sorvegliante di soffrire d’epilessia
  • in caso di crisi frequenti e gravi, restare nella piscina per i non nuotatori
  • è consen­tito fare immer­sioni soltanto se da tempo non si hanno avuto delle crisi e se si è in possesso di un certi­fi­cato medico
  • non intra­pren­dere viaggi in barca in solitaria né andare a pesca da soli
  • in caso di fotosen­si­bi­lità, indos­sare occhiali con lenti polarizzate.
Quando si deve prestare atten­zione guardando la televi­sione?2018–08-02T08:08:18+02:00

In genere, guardare la televi­sione non è perico­loso per le persone affette da epilessia.

In caso di fotosen­si­bi­lità, è oppor­tuno adottare alcune norme preven­tive, senza arrivare a sconsi­gliare in questi casi, in generale, di guardare la televisione:

  • durante il giorno, la stanza in cui si guarda la televi­sione non deve essere mai comple­ta­mente oscurata e di sera si dovrebbe avere un’illuminazione supplementare
  • la distanza tra il posto a sedere e il televi­sore dovrebbe essere di almeno 2 metri
  • dato che la fotosen­si­bi­lità si verifica in genere se si guarda con entrambi gli occhi, avvici­nan­dosi all’apparecchio (per esempio per spegnerlo) si dovrebbe chiudere o coprire un occhio
  • le persone affette da epilessia parti­co­lar­mente sensi­bili potreb­bero anche utiliz­zare occhiali da sole con lenti polarizzate.
Valgono le stesse regole quando si gioca al computer?2018–08-02T08:12:36+02:00

Le persone con fotosen­si­bi­lità dimostrata, quando giocano al computer dovreb­bero adottare le seguenti misure preventive:

  • evitare giochi con stimoli noti che potreb­bero provo­care una crisi
  • vicino a bambini e ragazzi che giocano al computer, dovrebbe rimanere un adulto che conosce le misure di emergenza da adottare in caso di crisi epilettiche
  • per i video­giochi, utiliz­zare un monitor con un diametro massimo di 15 pollici. Per dimen­sioni maggiori (e quando si utilizza il televi­sore come monitor), la distanza dal monitor dovrebbe essere almeno quattro volte maggiore rispetto alla diago­nale del monitor
  • evitare di giocare al computer per più di un’ora e anche quando sussi­stono al tempo stesso altre condi­zioni che favori­scono le crisi, quali carenza di sonno, febbre o fame.

Scuola e lavoro

I bambini affetti da epilessia possono frequen­tare le scuole normali?2018–08-08T14:56:09+02:00

La maggior parte dei bambini affetti da epilessia hanno un’intelligenza nella norma e possono, come i loro compagni, frequen­tare le scuole che più si addicono al loro talento. Se i bambini hanno delle crisi e/o sono neces­sari lunghi ricoveri in ospedale per gli effetti colla­te­rali dei medica­menti o se si riscon­trano disturbi psico­so­ciali, è possi­bile che le loro capacità di appren­di­mento e di rendi­mento siano compromesse.

È neces­sario infor­mare il perso­nale docente?2020–07-15T12:20:31+02:00

È impor­tante che il perso­nale docente e i compagni di scuola siano infor­mati sulla situa­zione indivi­duale del bambino affetto da epilessia, in modo che possano reagire corret­ta­mente a un’eventuale crisi.

Formu­lario (francese)
Un bambino affetto da epilessia può prendere parte a una gita scola­stica o alla lezione di educa­zione fisica?2018–08-09T06:42:40+02:00

Per l’integrazione sociale, è di fonda­men­tale impor­tanza che i bambini vivano il meno possi­bile situa­zioni parti­co­lari. Il regolare sforzo fisico non è né perico­loso né tanto meno provoca delle crisi. Tuttavia, devono essere evitati gli sport nei quali una crisi potrebbe provo­care un’incidente grave. Durante le gite scola­stiche, è neces­sario conti­nuare ad assumere regolar­mente i medica­menti e devono essere evitate le situa­zioni estreme come la mancanza di sonno, lunghe esposi­zioni al sole e sforzi fisici eccessivi.

Una persona affetta da epilessia può appren­dere ed eserci­tare qualsiasi profes­sione?2019–12-17T14:52:14+01:00

Sostan­zial­mente non vi sono limita­zioni per la scelta della profes­sione, se

  • in corso di tratta­mento farma­co­lo­gico non si hanno crisi da due anni
  • dopo un tratta­mento opera­torio non si hanno crisi da un anno
  • da più di tre anni le crisi si verifi­cano soltanto durante il sonno o
  • se si hanno esclu­si­va­mente crisi con sintomi ritenuti non signi­fi­ca­tivi dalla medicina del lavoro (senza cadute a terra, senza perdita di coscienza, assenza di disturbi della motri­cità corporea).

Non dovreb­bero essere prese in consi­de­ra­zione le profes­sioni che preve­dono l’uso della patente di guida.

Consul­tare il relativo opuscolo, dispo­ni­bile in francese o tedesco.

L’organizzazione di pazienti Epi-Suisse offre delle consu­lenze sociali.

Opuscolo infor­ma­tivo “Lavoro e Epilessia”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Lavoro a turni ed epilessia, è possi­bile?2018–08-09T06:56:38+02:00

Il lavoro a turni costringe a un ritmo sonno-veglia irrego­lare che può avere riper­cus­sioni negative.

Un’epilessia attiva può compor­tare limita­zioni profes­sio­nali o addirit­tura incapa­cità al lavoro nell’esercizio della propria profes­sione?2018–08-09T06:52:21+02:00

Le cosid­dette “limita­zioni quali­ta­tive” possono compor­tare un’incapacità (eventual­mente tempo­ranea) al lavoro del 100% nella profes­sione d’origine, anche se la persona gode per il resto di buona salute. Ciò vale in parti­co­lare per i lavori perico­losi (ad es. con macchine o armi da fuoco), la sorve­glianza di persone sotto­poste a tutela, il lavoro notturno, il lavoro su scale e ponteggi, nonché in caso di neces­sità di idoneità alla guida, anche ad es. sui carrelli elevatori.

L’epilessia limita le possi­bi­lità profes­sio­nali se durante un attacco si manife­stano disturbi della coscienza, se si arriva alla perdita del controllo del compor­ta­mento (cadute, finire a terra), se si verifica un disturbo della motri­cità corporea o se si tiene un compor­ta­mento non adeguato.

In generale, la capacità di rendi­mento delle persone affette da epilessia ben control­lata è appena compro­messa, a prescin­dere dai pregiu­dizi che conti­nuano a persi­stere ancora oggi. Dalle stati­stiche emerge che le assenze dal lavoro delle persone affette da epilessia non sono superiori a quelle degli altri lavoratori.

Chi può consi­gliarmi in caso di diffi­coltà a scuola, nella scelta della profes­sione o nella vita profes­sio­nale?2018–08-09T07:05:24+02:00

L’organizzazione di pazienti Epi-Suisse offre delle consu­lenze sociali.

www.epi-suisse.ch

Sessua­lità, contrac­ce­zione, maternità

L’attività sessuale può scate­nare una crisi?2018–08-09T06:56:00+02:00

Solo raramente è stato osser­vato che una crisi epilet­tica è scate­nata dall’attività sessuale. Sebbene questo non sia general­mente da temere, può essere tuttavia sensato infor­mare il partner su come dovrebbe agire in caso di una crisi.

L’epilessia può ridurre il piacere sessuale?2018–08-09T15:24:38+02:00

Una delle riper­cus­sioni più frequenti dell’epilessia sull’attività sessuale è la diminu­zione del piacere. L’entità dipende, tra l’altro, dal tipo e dalla gravità dell’epilessia. Negli uomini colpiti da epilessia sono frequenti anche problemi di erezione.

Opuscolo infor­ma­tivo “L‘uomo e l‘epilessia ”

Scari­care Opuscolo informativo
Ordinare Opuscolo informativo
Gli antie­pi­let­tici influen­zano la sessua­lità?2018–08-09T06:45:10+02:00

Quasi tutti i medica­menti per il tratta­mento delle crisi epilet­tiche possono avere come effetti colla­te­rali la riduzione dell’attività sessuale. Alcuni di questi medica­menti possono, inoltre, causare un aumento della spossa­tezza. Possono manife­starsi anche effetti colla­te­rali cutanei.

Le donne affette da epilessia possono assumere la pillola anticon­ce­zio­nale?2018–08-09T06:44:01+02:00

È sì vero che la pillola anticon­ce­zio­nale non ha alcuna influenza sulla frequenza e la gravità degli attacchi epilet­tici, ma può compor­tare effetti colla­te­rali se assunta insieme agli antie­pi­let­tici. Ad esempio, la pillola può abbas­sare il livello ematico, e quindi l’efficacia degli antie­pi­let­tici, in parti­co­lare nel caso della lamotri­gina (nome commer­ciale, ad es. Lamictal).

Tra l’altro, l’assunzione di deter­mi­nati antie­pi­let­tici può ridurre l’azione della pillola anticon­ce­zio­nale, compor­tando così il rischio di una gravi­danza indesiderata.

Prima di assumere la pillola anticon­ce­zio­nale, o altri prepa­rati a base di ormoni, si dovrebbe discu­tere assolu­ta­mente dell’argomento con il neuro­logo e il gineco­logo curante. Se possi­bile, si dovreb­bero utiliz­zare antie­pi­let­tici che non hanno alcuna influenza sull’efficacia della pillola.

Infor­ma­zioni detta­gliate per gli specia­listi da scari­care (in tedesco)

Esistono dei metodi contrac­cet­tivi più adatti?2018–08-09T06:44:43+02:00

Tra i metodi anticon­ce­zio­nali alter­na­tivi, rientrano la spirale (spirale ormonale o al rame), nonché i metodi “barriera” come il preser­va­tivo o il diaframma. Con questi metodi, il rischio di effetti colla­te­rali indesi­de­rati per le donne affette da epilessia è minimo o inesi­stente. Tuttavia, alcuni di questi metodi sono meno sicuri della pillola anticoncezionale.

Cosa bisogna consi­de­rare se si desidera avere figli o durante una gravi­danza?2018–08-17T14:15:15+02:00

Medica­menti e interazioni

Queste domande riguar­dano i profes­sio­nisti oppure dovreb­bero essere discusse con i medici.

I vaccini possono causare delle diffi­coltà?2021–03-22T11:56:28+01:00

In generale valgono le stesse prote­zioni immuni­tarie delle persone senza epilessia. Lo stesso dicasi per i bambini, anche se per deter­mi­nati vaccini è racco­man­data una profi­lassi antipi­re­tica, ad esempio nel caso della vacci­na­zione triva­lente contro la difte­rite, il tetano e la pertosse, nota anche come DTP.

Soltanto in alcune forme rare di epilessia, si racco­manda il ricovero di qualche giorno dei bambini per le vaccinazioni.

Vedi anche le nostre risposte alle domande sul corona­virus.

Quando riman­dare una vacci­na­zione?2020–06-02T16:44:46+02:00

Durante una terapia con ACTH o corti­co­ste­roidi, in caso di crisi frequenti o durante la sosti­tu­zione di un tratta­mento farma­co­lo­gico, si dovrebbe riman­dare per sicurezza una vacci­na­zione non assolu­ta­mente necessaria.

A quali vaccini si potrebbe eventual­mente anche rinun­ciare?2018–08-09T06:42:00+02:00

Il vaccino contro il colera, la febbre gialla, la menin­goen­ce­fa­lo­patia da zecca (attiva) e la rabbia devono essere sommi­ni­strati a persone affette da epilessia soltanto se davvero necessario.

Nei bambini affetti da epilessia si sconsi­gliano per lo più i vaccini iniet­ta­bili contro le “malattie dei viaggi” come il tifo, la febbre gialla e il colera. Contro il tifo, è a dispo­si­zione in alter­na­tiva un vaccino per via orale. Le indica­zioni di questi vaccini iniet­ta­bili vanno prese atten­ta­mente in consi­de­ra­zione anche per gli adulti affetti da epilessia.

E il vaccino contro la malaria?2020–06-02T16:42:17+02:00

Atovaquon/proguanil (Malarone/ Malarone junior) è l’unico medica­mento antima­la­rico che non riduce la soglia convul­siva e, pertanto, rappre­senta il medica­mento profi­lat­tico elettivo per le persone affette da epilessia.

Quali antibio­tici possono essere prescritti in caso di epilessia nota e quali sono da evitare?2018–08-09T06:40:36+02:00

Un articolo in tedesco fornisce ragguagli agli specia­listi sugli antibio­tici racco­man­dati ai pazienti affetti da epilessia e quelli da evitare.

Scari­care
Un massaggio o un’inalazione di oli essen­ziali possono provo­care una crisi?2021–03-23T16:00:09+01:00

Ci sono diverse esperienze in questo contesto, natural­mente dipende anche dal dosaggio e dalla gravità dell’e­pi­lessia. Per chi soffre di crisi frequenti e gravi, si consi­glia di evitare gli oli o di usarli solo con grande cautela (ad esempio, stando a letto). Natural­mente, bisogna osser­vare se durante l’appli­ca­zione si verifica un aumento delle convulsioni.

Esperienze relative agli oli individuali:
Gli oli con lavanda, canfora, mentolo, eucalipto, anice e cumino dovreb­bero essere senza problemi.
Si consi­glia cautela con l’olio di finoc­chio, salvia o rosmarino.

Autori: Stephan Rüegg, Frédéric Zubler
Ultimo aggior­na­mento: marzo 2021.

La canapa o cannabis è adatta come medica­mento per l’epilessia?2020–07-15T12:11:59+02:00

Da molto tempo si ipotizza sull’efficacia del canna­bi­diolo (CBD) nel ridurre la frequenza degli attacchi. È una sostanza conte­nuta nella cannabis sativa che ha un’azione prolun­gata e sembra non avere effetti colla­te­rali psichia­trici. Le infor­ma­zioni ripor­tate dai media su singoli casi spetta­co­lari hanno aumen­tato le aspettative.

Finora, tuttavia, un’efficacia è dimostrata solo nelle sindromi di Dravet e di Lennox-Gastaut, che sono forme di epilessia rare e molto gravi. A seguito di ulteriori studi control­lati in materia, preve­diamo nei prossimi anni l’omologazione di un medica­mento conte­nente CBD.

Contra­ria­mente a quanto presu­mono molte persone, anche il CBD causa effetti colla­te­rali (ad es. sonno­lenza, perdita di appetito, diarrea e, parados­sal­mente, anche un aumento occasio­nale di convul­sioni) e può avere intera­zioni con altri medicamenti.

La Lega Svizzera contro l’Epilessia sconsi­glia al momento l’uso del CBD per il tratta­mento di altre forme di epilessia non contem­plate dagli studi, se non per le sindromi di Dravet e di Lennox-Gastaut, poiché finora non sono noti né gli effetti né gli effetti colla­te­rali per le comuni e più frequenti forme di epilessia. Non appena cambierà lo stato di conoscenza, provve­de­remo nuova­mente a infor­mare e ad adeguare l’attuale dichiarazione.

Dal dicembre 2018 Swiss­medic offre una panora­mica dei prodotti conte­nenti canna­bi­diolo con un aiuto all’e­se­cu­zione.

Ultimo aggior­na­mento: maggio 2019

 
Le domande e le risposte sono state compi­late nel 2018. Gli aggior­na­menti sono elencati nelle rispet­tive domande.

Conte­nuti affini

Primi soccorsi
Forme di crisi epilettiche
Cause
Tratta­mento
Riper­cus­sioni sociali
Mater­nità e epilessia
Epilessia e guida di veicoli
Trovare degli specialisti
I nostri partner
Go to Top