L’edizione 2019 del premio per la promo­zione della ricerca della Lega Svizzera contro l’Epilessia, con una dotazione di 25’000 franchi, va a vantaggio dei giovani: la dott.ssa Martina Hubacher, sta effet­tuando presso l’Ospedale pedia­trico univer­si­tario di Basilea Città e Campagna (UKBB) studi sul tema “The absent mind – la neuro­co­gni­zione e il sonno nei giovani con crisi epilet­tiche con assenza”.

Martina Hubacher

(Zurigo/Basilea) Spesso i giovani affetti da epilessia con assenza si trovano svantag­giati nel corso della vita: conse­guono media­mente titoli scola­stici inferiori, anche rispetto ai giovani con altre forme di epilessia genera­liz­zate. Mentre questa forma di epilessia nei bambini è stata oggetto di diversi studi, finora non ne esiste­vano riguardo alle cause precise di questi deficit in età giova­nile.

La dott.ssa Martina Hubacher sta cercando di porre rimedio a questa situa­zione con la sua ricerca presso l’Ospedale pedia­trico univer­si­tario di Basilea Città e Campagna, che potrà ora portare a termine grazie al premio per la promo­zione della ricerca della Lega Svizzera contro l’Epilessia. Attra­verso esaurienti esami neuro­psi­co­lo­gici e per immagini sui giovani che ne sono affetti, i loro fratelli e sorelle sani e altri giovani sani, Hubacher punta a indivi­duare i fattori rilevanti e a metterli in relazione tra di loro. Dato che il cervello si rigenera di notte durante il sonno, lo studio rileva anche la qualità del sonno dei parte­ci­panti.

In tal modo vogliamo creare una base per poter in futuro assistere e soste­nere in modo più mirato i giovani affetti da epilessia con assenza, aumen­tando le loro chance di superarla con successo in età adulta”.

I ricono­sci­menti verranno confe­riti nell’ambito dell’11° congresso annuale della Lega Svizzera contro l’Epilessia, con la parte­ci­pa­zione della società di epilet­to­logia tedesca e di quella austriaca (“Convegno trina­zio­nale”), che si svolgerà a Basilea dall’8 all’11 maggio 2019.